Cispadana: il Convegno

In programma sabato, 15 settembre, in Sala Zarri

Home / In primo piano / Cispadana: il Convegno

In programma sabato, 15 settembre, in Sala Zarri

//


Ferrara, 13 settembre 2018

Un convegno sulla Cispadana, in cui mettere a confronto i vari livelli istituzionali, politici e le associazioni di categoria dell'impresa. E' quello organizzato dalla Confartigianato Ferrara, per sabato 15, a partire dalle 9.30, nella sede di via Veneziani. Presentato ieri, in Camera di Commercio, alla presenza del Presidente, Paolo Govoni, e del nostro segretario Generale, Giuseppe Vancini, del Presidente, Guido Montanari, della nostra responsabile Dipartimento Credito e FInanza, Donatella Zuffoli. Due tavole rotonde, moderate dalla giornalista de Il Sole 24 Ore, Ilaria Vesentini, per fare il punto su «una infrastruttura di cui si parla da oltre trent'anni, di cui il tracciato è stato cambiato più volte, e che noi vorremmo fosse portata a termine - sintetizza il Segretario Generale,  Giuseppe Vancini - e sulla quale ci aspettiamo risposte concrete e definitive».  La scelta della 'forma', ossia autostrada, «come Confartigianato preferirebbe», o percorso a scorrimento veloce, non può essere motivo di ulteriori ritardi e inutili contrapposizioni.   Un aspetto, questo, su cui il segretario Generale, Giuseppe Vancini pone l'attenzione. «Purtroppo, come annunciato in conferenza stampa, al convegno mancherà Vittorio Ferraresi, che pur scusandosi per il disagio ha disdettato all'ultimo l'iniziale adesione. E visti i tempi ristretti, neppure la consigliera regionale Giulia Gibertoni, che lui ci aveva indicato, potrà partecipare». La voce dei 5 Stelle, dunque, sarà l'unica a mancare. Un'occasione persa, secondo Vancini. «Diciamo che così possiamo presumere che i presenti, che ringraziamo, sono a favore. Degli assenti, non sappiamo». La Confartigianato sottolinea l'esito positivo già raggiunto, in primis la partecipazione di tutte le associazioni di categoria del mondo imprenditoriale.  Il rischio della mancata esecuzione, «tanto più ora che si registrano segnali di ripresa, è il nostro isolamento». Vancini previene l'opposizione dei comitati, che contestano l'impatto ambientale. «Gli impatti ambientali non sono solo quelli che si creerebbero facendo l'opera, ma quelli che ci sono non facendola. Dubito che il passaggio di mezzi pesanti sulle nostre arterie, a ridosso delle abitazioni, sia positivo». Poi si concentra sugli aspetti economici: «Si potrebbe scaricare il traffico dalle autostrade esistenti, guadagnando tempo. Il vantaggio non sarebbe solo per gli imprenditori che negli anni hanno investito in attesa che venisse portata a termine l'infrastruttura, e sono oggi sono disincentivati, ma anche per quelli che potrebbero investire qui se il territorio fosse più appetibile». Oltre che per l'occupazione e l'indotto. Cantieri aperti, significano infatti persone al lavoro, aziende che producono. Ancora Vancini rimarca: «Per la Cispadana non esiste neppure un'alternativa, un piano B. Siamo direttamente collegati solo con Padova e Bologna. Manchiamo di tracciati che ci congiungano con Modena-Reggio Emilia e il Nord Italia, oltre che con Verona e la Romagna. E l'unica certezza è che così così siamo isolati. Abbiamo invece bisogno di infrastrutture all'altezza dell'economia dell'intera area. Vancini specifica di avere organizzato il convegno con molto anticipo - «è due mesi che ci lavoriamo» - per consentire a tutti di esserci. E di avere scelto settembre per evitare il periodo elettorale, data l'imminenza delle elezioni amministrative. Ringrazia chi ha aderito subito e conferma che spera, dato che da ogni parte si invoca la necessità di fare squadra, che questo sia l'inizio. «Noi comunque - la chiosa - come Confartigianato lotteremo per portare avanti le nostre istanze».  




Altri eventi in primo piano

Calendario eventi

Informativa estesa sull'uso dei cookies