Cispadana: relazione inviata al Ministro Danilo Toninelli

«Servono risposte definitive».

Home / In primo piano / Cispadana: relazione inviata al Ministro Danilo Toninelli

«Servono risposte definitive».

//


Ferrara, 11 ottobre 2018

Una relazione che recepisce tutte le istanze emerse alla tavola rotonda dello scorso 15 settembre a favore della realizzazione dell’autostrada Cispadana, reclamata dagli oltre 40mila imprenditori del ferrarese. E’ quella inviata al Ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, martedì 9 ottobre. E sottoscritta dai soggetti presenti: quindi i senatori Paola Boldrini (Pd), Alberto Balboni (FDI), i consiglieri regionali Pd, Marcella Zappaterra e Paolo Calvano, i colleghi della Lega, Alan Fabbri e Marco Petazzoni, oltre a Provincia, Camera di Commercio, Cna, Confindustria Emilia Area Centro, Legacoop, Confcooperative, Confesercenti. Nel testo si elencano le ragioni per portarla a compimento: dalla necessità di liberare le arterie secondarie dal traffico pesante, alla considerazione che i tracciati autostradali sono oggi al collasso, al bisogno delle imprese di poter continuare a investire. Oltre all’importanza di tornare ad essere attrattivi. E si chiedono lumi definitivi. «Perché lo sviluppo – sintetizza il segretario generale, Giuseppe Vancini – va programmato in condizioni di certezza». Poi la considerazione: «Col nostro confronto è evidente che abbiamo dato un significativo avvio allo sblocco della questione, dato che lo stesso Ministro ha confermato, in Parlamento, che può occuparsene la Regione. Ora – la puntualizzazione – a noi non interessano i rimpalli di responsabilità politica che da anni tengono ferma l’infrastruttura. E non ci interessano neppure le numerose dichiarazioni via stampa che dal 15 settembre si susseguono. Ci è chiaro infatti che affermare che la Regione può procedere non significa che l’opera verrà eseguita, dato che all’appello mancano 200milioni di euro. Chiediamo dunque al Governo, unico assente al nostro tavolo, e che fino a tre settimane fa giudicava l’opera non prioritaria o eseguibile sotto forma di percorso a scorrimento veloce, di assumere una posizione definitiva, se intende contribuire e in che misura. Dato che la Regione, cui abbiamo comunque inviato la medesima relazione, nella nostra sede, si è espressa».  Vancini ringrazia quanti hanno sottoscritto il testo, che esprime una esigenza unanime. Fa presente di averlo sottoposto anche alle tre sigle sindacali, che hanno ritenuto di non firmarlo in quanto inviato esclusivamente da Confartigianato. «Al netto che il convegno lo abbiamo organizzato noi, con i livelli istituzionali che sulla Cispadana possono incidere, la nostra è stata una forma di attenzione. Tanto più che la Cispadana è tra le priorità del Patto del Lavoro, che vede il coinvolgimento di tutti i soggetti economici». La chiosa di Vancini: «Confido ci giunga una risposta ufficiale. I 40mila imprenditori del territorio, quindi non solo i soci Confartigianato, la attendono».




Altri eventi in primo piano

Calendario eventi

Informativa estesa sull'uso dei cookies