Sulle imprese giovanili i dati sono confortanti, ma serve prudenza

I numeri vanno letti con attenzione

Home / In primo piano / Sulle imprese giovanili i dati sono confortanti, ma serve prudenza

I numeri vanno letti con attenzione

//


Ferrara, 5 novembre 2016

NEI GIORNI scorsi la Camera di Commercio ha diffuso i dati relativi all’imprenditoria giovanile nei primi 9 mesi dell’anno in corso – nasce più di una attività al giorno, costituisce il 7,8% del totale - sottolineandone gli aspetti positivi di crescita. Assodato che qualsiasi numero preceduto dal segno più non può che essere confortante e di buon auspicio, noi riteniamo non si debba cadere nei facili ottimismi. Gli stessi numeri dell’Osservatorio della Camera di Commercio ci confermano infatti che a livello regionale rimaniamo fanalino di coda. Mettendo a confronto Ferrara con le altre province dell’Emilia Romagna nei primi 6 mesi del 2016, risulta che ‘primi’ arriviamo solo nell’agricoltura, con il 24,7% del totale. Secondi, dopo Reggio Emilia, nella sopracitata imprenditoria giovanile, che al 30 giugno era all’8,3% e dunque nel successivo trimestre è calata. Nell’industria, con l’8%, siamo terzultimi, prima di Ravenna e Rimini. Nel commercio, con il 31,6 %, penultimi, prima di Reggio Emilia. Nelle costruzioni, con il 14,6 %, ultimi. Nelle start up innovative, ultimi. Per attrattività di imprese estere, ultimi. I numeri, e arrivo al punto, sono sempre positivi o negativi, incoraggianti o disincentivanti, rispetto al punto di osservazione. Certo, guardando alla ‘sola’ Ferrara la crescita c’è. Guardando a livello regionale, si evince invece che molto dobbiamo ancora fare. Anche per questo, nell’imminenza degli accorpamenti delle Camere di Commercio, come Confartigianato ribadiamo la nostra contrarietà a Ravenna, cui ci accomuna il dato positivo dell’agricoltura - seppure Ravenna, più di Ferrara, vanti un maggior numero di aziende di trasformazione – e in parte del turismo. La vocazione del nostro territorio è prevalentemente manifatturiera e per questo più simile a Bologna, Modena e Reggio Emilia. Noi rimaniamo convinti che servano strategie di lungo respiro e la scelta della Romagna – alla quale pare siano oggi inclini la maggior parte delle altre associazioni di categoria – si rivelerà fallimentare, perché a confronto sono differenti modelli imprenditoriali, incapaci di trainarsi l’un l’altro. L’accorpamento avrebbe dovuto unire le forze. Così, appare chiaro, fa sintesi delle debolezze.

Giuseppe Vancini, Segretaroio Generale 




Altri eventi in primo piano

Calendario eventi

Informativa estesa sull'uso dei cookies