Telestense, Confartigianato chiede l'autonomia della Camera di Commercio

20-02-2018

Home / Rassegna stampa / 2018 / Telestense, Confartigianato chiede l'autonomia della Camera di Commercio

20-02-2018

//


http://www.telestense.it/confartigianato-20180220.html?cat=21

 

Confartigianato ha ufficializzato martedì mattina, per voce di Donatella Zuffoli, alla Giunta Camerale, affinché sia sottoposta all’attenzione del Consiglio.

Due le premesse: uno, nella versione originaria l’accorpamento  era obbligatorio unicamente sulla base del numero delle imprese e riguardava le Camere con meno di 75mila imprese; due, avrebbe dovuto essere votato dal consiglio con una maggioranza qualificata, ma a causa delle divergenze associative non si è mai giunti al voto e si è demandato a Unioncamere. «L’accorpamento con Ravenna è dunque progetto di Unioncamere».  

Il decreto nei giorni scorsi sottoscritto dal Ministro Carlo Calenda contiene invece alcune variazione rispetto alla sopracitata versione originaria. In sintesi autorizza in alcuni casi l’autonomia per efficienza e per affinità socioeconomiche, assunti come criteri di base che potrebbero creare il precedente. Quanto basta, secondo la Confartigianato, per tentare la carta dell’autonomia proprio in virtù dell’autorevolezza,  dell’efficienza e della virtuosità che all’Ente di Largo Castello sono sempre state riconosciute. «Potrebbero esserci spazi e tempi, questo almeno è il nostro auspicio», la sintesi del segretario generale, Giuseppe Vancini, che non esclude ulteriori possibili procrastinamenti in caso di ricorsi.

«Sarebbe peraltro un’occasione, a livello associativo, per ripensare al nostro territorio». In un concetto, «per difenderlo». La Confartigianato non ha fatto mai mistero di ritenere la via verso Ravenna sbagliata e limitante per molteplici ragioni, prima delle quali le differenze di vocazioni produttive: manifattura per Ferrara, servizi/turismo per Ravenna. «Confidiamo che ci sia la disponibilità di tutti a riaprire il ragionamento. E, prima ancora – la chiosa di Vancini –  che siano riscontrabili i motivi per cui, secondo noi, Ferrara merita l’autonomia».


Informativa estesa sull'uso dei cookies