Il primo maggio

Il primo maggio

Home / In primo piano / Il primo maggio

Il primo maggio

01-05-2022 // 01-05-2022


01/05/2022

Carissimo associato,
il primo maggio, il giorno di San Giuseppe artigiano, rappresenta una occasione per riflettere sul valore del lavoro, come fondamento non solo della Repubblica ma anche della dignità della persona e dei principi fondamentali di libertà e di democrazia. Purtroppo la guerra in atto ci presenta una triste occasione per ragionare su questo argomento ma soprattutto sull'aspetto della libertà di intrapresa delle micro e piccole imprese. Dal riconoscimento di questo alto e fondamentale valore costituzionale, corrisponde l'interesse lavorativo della maggioranza degli occupati, sia nel Paese che a Ferrara. Proprio così della maggioranza. Forse questo aspetto andrebbe trasmesso con maggior convincimento, vigore e responsabilità. Senza questo fondamentale principio di libertà, nel nostro Paese, e quindi anche qui a Ferrara, la maggiora parte degli occupati, non avrebbe potuto trovare sostentamento per se e per la proprie famiglie. Come Confartigianato siamo consapevoli che rappresentiamo l'interesse di un pezzo importante e fondamentale del mondo del lavoro. Milioni di persone in Italia, decine di migliaia a Ferrara, che creano le condizioni per il proprio lavoro e per quello dei propri collaboratori. Una vera ricchezza per le comunità e per i territori. Va purtroppo detto che l'espressione e la concretizzazione della libertà di intrapresa nelle micropmi, è stata per troppo tempo (e forse lo è ancora per talune correnti di pensiero economico) promossa come elemento di debolezza e anello debole dell'economia. Tesi colpevolmente sbagliata, tenuto conto del livello economico raggiunto dal nostro Paese a livello planetario, proprio con la componente maggioritaria di micropmi. La libertà di impresa è ed è stato in Italia un diritto fondamentale della persona. Tutto ciò è apparso scontato nei decenni, ma forse oggi sappiamo bene che è naturale conseguenza della consapevole opzione occidentale operata e concretizzata dai padri fondatori della Repubblica subito dopo la fine del secondo conflitto mondiale. Senza la liberta di intrapresa e di impresa, la sostenibilità democratica e la giustizia sociale diventano impossibili da perseguire.
Cerchiamo allora di preservare e custodire questo fondamentale diritto che è patrimonio degli artigiani e di tutti i piccoli imprenditori. Lavoro come suprema concezione della libertà umana: quella propria, del proprio nucleo famigliare, e della azienda intesa come Comunità produttiva. Bisogna rimuovere gli ostacoli e favorire chi è in grado di generare lavoro, perché il bene comune va sempre perseguito. E' necessario che tutte le componenti del mondo del lavoro, cerchino sempre il dialogo e il confronto costruttivo e mai lo scontro ideologico tanto dannoso soprattutto per le giovani generazioni. Dobbiamo contribuire alla costruzioni di relazioni dove gli individui e le famiglie possano progettare il futuro senza il costante timore di perdere le condizioni per un necessario sostentamento e sviluppo che sono le basi per la dignità di ciascuno.

Allora il primo maggio non va solo festeggiato ma, per i valori che esso rappresenta, va soprattutto celebrato. Riteniamo che operare in modo contrario, non è solo un controsenso economico, ma rappresenta una delle forma più striscianti di compressione delle libertà personali.
Diventa quanto mai attuale e direi quasi magistrale a questo proposito il pensiero di un autentico statista, di Aldo Moro che all'Assemblea Costituente ebbe ad affermare che "senza lavoro viene a mancare ogni prospettiva di libertà e giustizia".

La Confartigianato è e sarà sempre per la libertà di intrapresa perché la ritiene una delle forme più evidenti di giustizia sociale.

IL PRESIDENTE              IL SEGRETARIO
Graziano Gallerani         Paolo Cirelli




Calendario eventi

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Per saperne di più fare clicca qui. Per rimuovere questo avviso e accettare la Privacy Policy esplicitamente cliccare sul bottone "ACCETTO".